Sant'Agata
1 / 24 prev / next pause play enlarge slideshow
Sant'Agata
Lo scrigno delle reliquie
2 / 24 prev / next pause play enlarge slideshow
Lo scrigno delle reliquie
L'uscita della Santa
3 / 24 prev / next pause play enlarge slideshow
L'uscita della Santa
Il saluto alla Santa
4 / 24 prev / next pause play enlarge slideshow
Il saluto alla Santa
Il devoto di Ajtuzza
5 / 24 prev / next pause play enlarge slideshow
Il devoto di Ajtuzza
La processione delle Candelore in via Etnea
6 / 24 prev / next pause play enlarge slideshow
La processione delle Candelore in via Etnea
I portatori di candellora del Circolo di Sant'Agata
7 / 24 prev / next pause play enlarge slideshow
I portatori di candellora del Circolo di Sant'Agata
8 / 24 prev / next pause play enlarge slideshow
Il capo vara
9 / 24 prev / next pause play enlarge slideshow
Il capo vara
Cordone di fede
10 / 24 prev / next pause play enlarge slideshow
Cordone di fede
Le ntuppatedde catanesi
11 / 24 prev / next pause play enlarge slideshow
Le ntuppatedde catanesi
Processione notturna in via Etnea, tra sacro e profano
12 / 24 prev / next pause play enlarge slideshow
Processione notturna in via Etnea, tra sacro e profano
I trainatori della vara
13 / 24 prev / next pause play enlarge slideshow
I trainatori della vara
I devoti
14 / 24 prev / next pause play enlarge slideshow
I devoti
Il devoto e il cero
15 / 24 prev / next pause play enlarge slideshow
Il devoto e il cero
A 'nnacata
16 / 24 prev / next pause play enlarge slideshow
A 'nnacata
Per grazia ricevuta
17 / 24 prev / next pause play enlarge slideshow
Per grazia ricevuta
L'attesa
18 / 24 prev / next pause play enlarge slideshow
L'attesa
Devoto tra i devoti
19 / 24 prev / next pause play enlarge slideshow
Devoto tra i devoti
Fiume in piena
20 / 24 prev / next pause play enlarge slideshow
Fiume in piena
A chianata di San Giuliano
21 / 24 prev / next pause play enlarge slideshow
A chianata di San Giuliano
Via Crociferi
22 / 24 prev / next pause play enlarge slideshow
Via Crociferi
Il rientro della Santa
23 / 24 prev / next pause play enlarge slideshow
Il rientro della Santa
L'ultimo abbraccio di fede
24 / 24 prev / next pause play enlarge slideshow
L'ultimo abbraccio di fede

Sant' Agata, tra fuoco e fiamme

Il 17 agosto di quest’anno saranno esattamente 890 anni da quel 1126 che i catanesi si caricano sulle spalle enormi cannelore in segno di devozione alla loro Santa.
Un peso considerevole che migliaia di devoti si accollano per tutta la durata della lunga, interminabile, processione in onore di Ajtuzza bedda.
Una delle feste più partecipate del vecchio continente (superata solo dalla Settimana Santa di Siviglia), sicuramente quella con la più lunga processione cui abbia mai partecipato.
Perché Sant’ Agata ai propri devoti non chiede solo lo sforzo di trasportare il peso di un enorme cero, ma anche la costanza e la resistenza di seguirla durante la sua visita alla città.
Una visita che comincia nella prima mattinata del 4 febbraio e si protrae quasi ininterrottamente per tutte le successive 48 ore, fino all’alba del giorno 6, quando farà rientro nella sua cameretta all’interno dello splendido Duomo barocco di Catania.
L’ elemento portante di questa ritualità è il fuoco, quello delle fiamme che la arsero viva non rinnegando la sua fede, e quello delle colate laviche dell' Etna da cui salvò la sua città.
Squilli di rulli e chiarine si levano dal palazzo comunale per preannunciare l’evento.
Nei vari quartieri intanto si provvede alle ultime rifiniture delle dodici cannelore, alte costruzioni lignee baroccamente scolpite e dorate atte al trasporto di un grosso cero, una per ogni corporazione di arti e mestieri della città.
Fedeli e devoti cominceranno a popolare il Duomo prima dell’ alba del giorno 4 per assistere alla messa dell’ aurora , la funzione solenne che precede l' uscita della Santa dalla cameretta che ne custodisce il mezzobusto e lo scrigno delle reliquie, accolta dallo sventolio di fazzoletti bianchi, simbolo della purezza.
Saranno decine di devoti vestiti con un saccu bianco e la scuzzetta nera in testa a trainare la vara d’argento che ospiterà il sacro busto e lo scrigno.
La processione scorrerà lentamente per tutta la città – prima fuori le mura e poi nel centro storico – affinchè tutti possano vederla, osannarla con invocazioni e canti popolari e fargli dono di fiori e ceri.
La vara sarà scortata dalle dodici cannelore i cui portatori procederanno al ritmo della a'nnacata , andatura ondulatoria, effettuando brevi soste di saluto presso le varie edicole realizzate lungo l'itinerario.
I momenti più attesi di questo lungo viaggio processionale saranno la chianata di San Giuliano e la breve sosta dinanzi al convento delle suore benedettine che, da dietro le cancellate del sagrato, leveranno i loro canti in onore della Santa.
Da qui Ella farà rientro in Duomo per accogliere le ultime preghiere dei fedeli che, anche per quest’anno, faranno il pieno di quella fede e di quella speranza cui si appelleranno per superare le difficoltà della quotidianità.


""JJè chiamamula ccu 'razzia e ccu cori,
pì sant'Àjtuzza bedda, ca stà niscennu,
cittatini!
semu tutti divoti, tutti?
cittatini, cittatini!
evviva sant'Àjta
cittatini!
evviva sant'Àjta.
tutti divoti, tutti?
cittatini, cittatini!""

loading