1 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
2 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
3 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
4 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
5 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
6 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
7 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
8 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
9 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
10 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
11 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
12 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
13 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
14 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
15 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
16 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
17 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
18 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
19 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
20 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
21 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
22 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
23 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
24 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
25 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
26 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
27 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
28 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
29 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
30 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
31 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
32 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
33 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
34 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow
35 / 35 prev / next pause play enlarge slideshow

La Passione di Pucciano

Pucciano è un luogo che non esiste.
Non è un paese, e credo nemmeno la frazione di un paese.
E’ semplicemente una via, Via di Pucciano, una stradina acciottolata a ridosso di una delle arterie più trafficate della provincia di Salerno, la SS18 (dai locali chiamata semplicemente “la nazionale”) che attraversa uno degli agglomerati metropolitani più ampi del salernitano, l’Agro Nocerino-Sarnese.
Sono nato e cresciuto a due passi da questo non luogo eppure ne ignoravo le tradizioni, tra cui la quasi centenaria rievocazione storica della Passione di Cristo, una manifestazione che vede impegnati decine di figuranti - probabilmente tutti gli abitanti della via - che nel pomeriggio del Venerdì Santo affrontano con convinta partecipazione una lunga ed estenuante processione che, attraversando quasi tutto il territorio comunale, ripercorre gli ultimi momenti della vita di Gesù.
Il rito si conclude in tarda serata presso la piccola chiesa di San Giovanni Battista con la fuga dei Legionari verso l’ Altare della Riposizione del Cristo Morto ove la statua sacra rimane esposta all’ adorazione dai tanti fedeli accorsi presso la piccola borgata.
Chi non è abituato ad assistere a queste manifestazioni potrebbe erroneamente classificarle come un’ anacronistica spettacolarizzazione di un fatto storico ma, in realtà, si tratta di sincere e radicate espressioni di fede derivanti da una tradizione secolare che ancora oggi, nell’era della globalizzazione, perdura e si tramanda di padre in figlio.
D’altronde non c’è altra spiegazione al fatto che una persona sia disposta ad affrontare un cammino lungo e accidentato a piedi nudi e senza altre vesti che il costume d’epoca.
Ma ancor più significative sono le lacrime di un Cristo che, giunto alla fine del lungo cammino, lascia la croce per raggiungere il sepolcro abbandonandosi a un pianto di liberazione e allo stesso tempo di compassione per la sorte del vero Figlio di Dio.
Giusto o sbagliato, l’importante è credere, e questa è la Passione Per la Passione di Pucciano!!!

loading